Contact:

Azienda agrituristica IL PICCOZZO
Campagna Capoluogo località Piccozzo, 113
56035 Casciana Terme Lari (Pisa) ITALY
Email: info@piccozzo.com
Phone: (+39) 0587.649.209
Caterina: (+39) 331.2999.202
Monica: (+39) 347.335.1760

 

Image Alt

Volterra tour

Volterra

Volterra è una cittadina cinta da mura a sud-ovest di Firenze. Il Palazzo dei Priori, in pieno centro, ha affreschi medievali e un campanile dal quale si aprono panorami sconfinati. Il Duomo vanta un portale di ingresso in marmo e un soffitto a cassettoni dorato. Poco distante si trovano le vestigia dell’Acropoli Etrusca. Il Museo Etrusco Guarnacci custodisce una ricca collezione di manufatti archeologici. Il complesso del Teatro Romano comprende i ruderi di terme del III secolo.

Altitudine: 531 m
Meteo: 19 °C, vento O a 8 km/h, umidità 68%

 

 

Volterra è un comune italiano di 10 519 abitanti della provincia di Pisa in Toscana.

La città, celebre per l’estrazione e la lavorazione dell’alabastro, è stata una delle principali città-stato della Toscana antica (Etruria), fu sede nel medioevo di un’importante signoria vescovile avente giurisdizione su un’ampia parte delle Colline toscane. Oggi conserva un notevole centro storico di origine etrusca (di questa epoca rimane la Porta all’Arco, magnificamente conservata; la Porta Diana, che conserva i blocchi degli stipiti; gran parte della cinta muraria, costruita con ciclopici blocchi di pietra locale; l’Acropoli, dove sono presenti le fondamenta di due templi, vari edifici ed alcune cisterne; numerosissimi ipogei utilizzati per la sepoltura dei defunti), con rovine romane (fra tutte il Teatro ad emiciclo) ed edifici medievali come la Cattedrale, la Fortezza Medicea ed il Palazzo dei Priori sull’omonima piazza, centro nevralgico dell’abitato.

 

 

Veláthri ( , il nome etrusco di Volterra), faceva parte della confederazione etrusca, detta dodecapoli etrusca o lucumonie. Il re (e gran sacerdote) era detto luchmon (lucumone). Il nome della città etrusca è ben leggibile nella serie di monete conservate al Museo Guarnacci. In latino la città assunse il nome di Volaterrae, dal quale derivano il greco Οὐολατέρραι Ouolatérrai e l’attuale nome italiano.

 

Post in: English